La pista ciclabile da S.Felice a Finale

Sabato 23 giugno inaugura la ciclabile che collega S.Felice sul Panaro e Finale Emilia.


Con un investimento complessivo di 1 milione di euro, la Provincia di Modena ha concluso la realizzazione della pista ciclabile che collega S.Felice sul Panaro e Finale Emilia.

L'inaugurazione dell'opera è prevista sabato 23 giugno a partire dalle 9.30 a San Felice sul Panaro presso l'incrocio tra via Repubblica e via Ronchetti. Partecipano Emilio Sabattini (Presidente della Provincia di Modena), Egidio Pagani (Assessore provinciale alla Viabilità, Mobilità, Edilizia e Patrimonio), Mario Meschieri (Sindaco del Comune di San Felice sul Panaro) e Raimondo Soragni (Sindaco del Comune di Finale Emilia). Dopo il taglio del nastro parte una biciclettata sul percorso della pista e dopo una sosta a Massa Finalese si arriva intorno alle 11 a Finale Emilia presso il campo "Masi". Dopo la seconda parte della cerimonia con gli interventi delle autorità, alle 11.30 viene offerto a tutti i partecipanti un buffet presso l’Agriturismo "La Bollitora" di Finale Emilia.

La pista da San Felice a Finale è lunga oltre 11 chilometri tutti asfaltati ed è larga tre metri a cui si aggiunge un metro di banchina laterale. La ciclabile è stata costruita seguendo il vecchio percorso della ferrovia dismessa nel 1964 che collegava Bastiglia, Mirandola e Finale Emilia. Tutte le intersezioni con le strade comunali sono illuminate tramite impianti a energia solare, questa è una importante caratteristica dell'opera che favorisce il risparmio energetico.

La ciclabile è accessibile esclusivamente a pedoni e ciclisti che possono così usufruirne per spostamenti dovuti ad esempio per motivi di sport e turismo. Particolarmente suggestivi sono a riguardo alcuni passaggi di attraversamento dei canali di bonifica e il tratto in prossimità della chiesetta della Madonna della Neve nel comune di S.Felice.
La pista rappresenta però anche una valida alternativa all’uso dell'auto nei brevi trasferimenti casa-scuola-lavoro.
"La ciclabile – sottolinea Egidio Pagani – può essere utilizzata sia per trascorrere una giornata immersi nel verde della campagna in tutta sicurezza, ma anche per brevi spostamenti dalla casa al lavoro. Il progetto fa parte di un piano provinciale di potenziamento dei collegamenti ciclabili intercomunali per favorire la mobilità sostenibile e la sicurezza dei ciclisti".

L’obiettivo strategico della Provincia è proprio quello di riuscire nel tempo a collegare tutti i comuni modenesi con una rete di piste ciclabili.
In questi due anni la Provincia ha investito diversi milioni di euro per realizzare la ciclabile Modena-Vignola e i due Percorsi Natura del Secchia e del Panaro. Lungo il percorso dell’ex ferrovia Modena-Mirandola, la Provincia ha già realizzato i tratti da Modena a Bastiglia, da Medolla a Mirandola in direzione nord e da Medolla a San Felice in direzione est a cui si è aggiunto lo stesso tratto da San Felice a Finale Emilia appena ultimato.
Oltre alla pista ciclabile Modena-Castelfranco Emilia e al Percorso Natura del Tiepido, tra i progetti in cantiere vi è anche il completamento della ciclabile Modena-Mirandola col tratto Bastiglia-Medolla: lunga circa 25 chilometri, la pista ciclabile da Bastiglia a Medolla è un’opera con un costo previsto di oltre due milioni di euro e per la quale la Provincia ha già iniziato la fase di studio preliminare.

Proprietà dell'articolo
creato: martedì 3 luglio 2007
modificato: martedì 3 luglio 2007