Da Bruxelles: l'Italia tra i paesi più rischiosi per i pedoni

Attraversare la strada in Italia è un'esperienza molto pericolosa, più che in altri paesi dell'Unione europea.


E' quanto emerge da una ricerca condotta da EuroTest, un centro studi di Bruxelles che si occupa di sicurezza stradale e a cui partecipano molti automobile club europei. "L'elevato numero di bambini e anziani che continuano ad essere le principali vittime degli incidenti sulle strisce pedonali mostra che, nonostante i miglioramenti compiuti in Europa, molto può essere ancora fatto per ridurre gli incidenti per i pedoni", si legge.

La pericolosissima Italia è ai primi posti sia per gli incidenti in generale che per quelli che avvengono sulle strisce. Indipendentemente dal fatto che avvengano sugli attraversamenti pedonali, nel 2005 la Spagna ha registrato il tasso più alto di incidenti mortali per i pedoni, con una quota di 15,7 ogni milione di abitanti. Seguono l'Italia e la Gran Bretagna con 11,5 e il Belgio con il 10,3. Tra i paesi più virtuosi ci sono invece l'Olanda con 4,6, seguita dalla Norvegia, con 6,7, e la Finlandia, con 7,2. Sugli attraversamenti pedonali, invece, la Norvegia ha avuto il più alto numero di incidenti, ossia 3,7, seguita dall'Italia, con 3,4, e dalla Svizzera, con 3 ogni milione. L'Olanda, anche su questo fronte, si rivela la più sicura, con lo 0,6, seguita dalla Gran Bretagna, con l'1,2.

Al di fuori delle strisce, la Spagna mantiene la maglia nera, con una quota di 14,4, seguita dalla Gran Bretagna, con 10,3, mentre la Norvegia è all'ultimo posto, con 3, e l'Olanda e la Finlandia hanno 4 e 5,1 rispettivamente. "Nella pletora di regole sul traffico e di principi guida - si legge nel rapporto - ce n'è uno che viene chiaramente spiegato in tutti i paesi: il guidatore deve prestare una particolare attenzione quando si avvicina ad un attraversamento pedonale e deve dare il diritto di precedenza ai pedoni. Non è solo l'azione di usare un attraversamento pedonale che dà il diritto di precedenza, ma anche l'evidente intenzione del pedone di attraversare la strada. Tuttavia questo ultimo punto non viene affatto menzionato nella legislazione italiana".
Proprietà dell'articolo
creato: venerdì 1 febbraio 2008
modificato: venerdì 1 febbraio 2008