Archivio News » Archivio News

eCall: il nuovo sistema di sicurezza stradale europeo.

Il Parlamento europeo ha approvato il sistema eCall , che in caso di incidente avverte immediatamente il numero unico europeo di emergenza E112.

Ogni anno sulle strade europee perdono la vita circa 40.000 persone, e oltre 3,3 milioni subiscono lesioni. Ciò si traduce in un onere economico oltre che emotivo, stimato addirittura sui 180 miliardi di euro. L'iniziativa eCall - approvata dal Parlamento europeo lo scorso 27 aprile - si propone di far installare in tutte le automobili nuove - a partire dal 2009 - il s istema eCall , che in caso di incidente
avverte immediatamente il numero unico europeo di emergenza E112. Il sistema fornisce l'ubicazione esatta del veicolo grazie al posizionamento globale (GPS), riducendo pertanto considerevolmente i tempi di risposta.

Malgrado l'elevato interesse commerciale suscitato da eCall , fino ad oggi alcuni Stati membri hanno esitato ad appoggiare pienamente l'iniziativa. Il sostegno del Parlamento conferirà notevole slancio a eCall : una volta installato, si prevede che il sistema consentirà di ridurre la gravità delle ferite provocate da incidenti stradali di circa il 15 per cento, e i decessi addirittura del dieci per cento. Benché alcuni modelli di lusso offrono già sistemi simili a eCall, tale iniziativa garantirà un livello elevato di sicurezza del conducente su tutti i veicoli.

Il progetto rappresenta il punto focale dell'iniziativa eSafety della Commissione europea , avviata nel luglio 2005 dal commissario responsabile della Società dell'informazione e mezzi di comunicazione Viviane Reding . eCall si propone di ridurre di circa 20.000 il numero di vittime causate da sinistri nell'UE entro il 2010. A questo proposito gli Stati membri sono stati sollecitati a completare quanto prima l'attuazione dell'E112 - il numero unico europeo di emergenza - e ad assumere iniziative per rendere disponibili presso i centri di raccolta delle chiamate d'emergenza (Public Safety Answering Points) le infrastrutture appropriate : formazione linguistica, disponibilità, identificazione dell'ubicazione e gestione delle chiamate.

Proprietà dell'articolo
fonte: Interfree
creato: giovedì 1 giugno 2006
modificato: venerdì 23 febbraio 2007