Archivio News » Archivio News

Due nuovi photored digitali a Modena il prossimo anno.

Entro il primo semestre del prossimo anno entreranno in servizio due photored di nuova tecnologia , lo ha stabilito la Giunta comunale nel corso di una recente riunione.

Le due macchine andranno ad aggiungersi alle 18 attualmente in servizio (montate in prossimità di dieci incroci) di proprietà dell'Amministrazione comunale la cui manutenzione è stata affidata ad una ditta esterna. In queste settimane i tecnici del comando di viale Amendola hanno testato un tipo di photored di nuova tecnologia . Sfrutta il digitale e funziona 365 giorni all'anno per tutto l'arco della giornata (quindi anche con il buio). Inoltre scatta
due foto ravvicinate della targa e altre quattro, in rapida successione, al posizionamento dell'auto intransito rispetto al segnale di arresto. La macchina non necessita di colonnina , è montata su pali e non richiede macchina fotografica con caricamento a pellicola. Non sono inoltre previste le spire annegate nel catrame che attualmente fanno scattare il photored. L'apparecchiatura testata non sarà necessariamente quella che entrerà in servizio: è prevista, infatti, una gara aperta per l'individuazione della ditta che fornirà il noleggio di due apparecchiature per due anni. Sono comunque poche le aziende produttrici di queste macchine autorizzate dal Ministero.
Ancora da definire il luogo nel quale saranno collocati i photored: i tecnici della Polizia municipale stanno valutando i dati relativi alla pericolosità degli incroci Falcone - Cividale - D'Acquisto, via Emilia - Italia - Zucchi, via Vignolese - Montanara - Campi e Nazionale per Carpi - Sant'Onofrio - Lesignana.

"Per quanto riguarda i photored in città posso affermare che il prossimo anno diventeranno venti le apparecchiature in funzione: diciotto già in servizio a cui si aggiungeranno i due di nuova generazione", commenta Gualtiero Monticelli assessore alla Polizia municipale. "Dall'anno successivo andremo alla graduale sostituzione degli attuali photored, dopo aver valutato l'impatto e l'efficacia dei nuovi strumenti, anche alla luce dell'entrata in servizio di numerose rotatorie e di eventuali cambiamenti dei flussi veicolari. Da parte nostra - prosegue Monticelli - siamo convinti dell'utilità del mezzo : consente di liberare personale per il controllo del territorio, mentre la tecnologia sempre più avanzata ci permetterà di continuare a contrastare chi commette infrazioni molto pericolose come l'attraversamento di un incrocio con il semaforo rosso. "Anche con l'entrata in servizio dei nuovi strumenti - conclude l'assessore alla Polizia municipale - un agente di grande esperienza visionerà la documentazione fotografica e potrà stabilire con l'ausilio di più scatti successivi dopo quanti millesimi di secondo l'auto ha attraversato l'incrocio dopo l'accensione della lampada rossa. Parallelamente confermeremo il ritardo di tempo che intercorrerà tra il "rosso" e l'attivazione del photored".

Proprietà dell'articolo
fonte: Comune di Modena
creato: venerdì 1 dicembre 2006
modificato: venerdì 23 febbraio 2007