Archivio News » Archivio News

Un'auto solare da usare in citta'.

Questa la sfida della SolidWorks canadese che con il ' Power of One ' starebbe per trasferire la complicata tecnologia delle auto solari alle macchine di tutti i giorni.

Il progetto è ovviamente ambizioso perché fino ad oggi le auto solari sono sempre state una specie di Ufo con le ruote, da guidare sdraiati e senza spazio (nel vero senso della parola, non ci si può muovere...). Però alla SolidWorks hanno già un prototipo, segretissimo , che avrebbe già superato i test di velocità, frenata e stabilità necessari per la circolazione su strada in America.

Di questa strana macchina per ora si sa ben poco. Ma va dato atto alla SolidWorks di avere le carte in regola per un'operazione del genere: sono stati loro a realizzare infatti la famosa " Power of One ", che ha battuto il primato mondiale di distanza cercando di portare la tecnologia delle auto solari costruite solo per le gare alle vetture di normale utilizzo.

Certo, è presto per affermare che la tecnologia dell'auto solare possa fare concorrenza a quella dell'ibrido o dell'idrogeno. Ma se una macchina derivata dalla "Power of One" dovesse essere davvero commercializzata le cose potrebbero cambiare . D'altra parte con il prezzo del greggio a 70 dollari e con la sempre crescente attenzione verso i problemi ambientali il pubblico è sempre a caccia di veicoli "alternativi".

"Il lavoro svolto da Power of One è talmente innovativo e avanzato da non avere precedenti - spiega Suchit Jain , vicepresidente dei prodotti di analisi SolidWorks - e allo stesso tempo, questo programma segue gli stessi principi di contenimento dei costi e dei tempi di un progetto commerciale, quindi l'attenzione al risparmio è importante. COSMOSWorks consente ai progettisti di Power of One di progettare liberamente ottimizzando i costi dei materiali la fase di prototipazione".

La domanda però rimane sempre una sola: arriverà davvero l'auto solare? Inutile chiederlo alla SolidWorks... Per tutta risposta ti raccontano che hanno già provato la macchina su strada ghiacciata e con temperature abbondantemente sotto lo zero. E che "Fino alle successive prove sostenute nel mese di luglio - come sostiene Marcelo da Luz , direttore del programma Power of One - abbiamo registrato un solo guasto, dovuto ad un difetto di produzione e non di progettazione". Vedremo...

Proprietà dell'articolo
fonte: Katawebmotori
creato: giovedì 1 dicembre 2005
modificato: venerdì 23 febbraio 2007