Archivio News » Archivio News

Spilamberto, la Provincia di Modena riapprova il progetto per la variante di Rio Secco.

Ripartono i lavori di costruzione della variante all’abitato di Rio Secco sulla strada provinciale 16 nel comune di Spilamberto .

Il Consiglio provinciale ha approvato, mercoledì 4 maggio, il riavvio delle procedure amministrative bloccate nei mesi scorsi dal Tar a seguito del ricorso di uno dei proprietari dei terreni da espropriare.

Il provvedimento è stato approvato con il voto favorevole di Ds, Margherita, Udc e Lega nord, astenuti Verdi e Forza Italia, mentre Dante Mazzi (FI) e Luca Caselli (An) hanno votato contro.

Come ha spiegato Egidio Pagani , assessore alla Viabilità della Provincia di Modena, "abbiamo superato gli aspetti giuridici che avevano portato all’annullamento del Tar. Possiamo quindi riconfermare il nostro impegno per portare a termine un intervento assolutamente necessario per garantire una maggiore sicurezza e scorrevolezza in un tratto critico, caratterizzato da una pericolosa strettoia non più compatibile con le esigenze attuali del traffico, in particolare quello pesante".

L’investimento complessivo sarà di un milione e 652 mila euro di cui un milione 291 mila a carico della Provincia e 361 mila del Comune di Spilamberto.

Grazie alla variante - che sarà lunga circa 800 metri – sarà possibile superare senza problemi l’abitato di Rio Secco , dove la strada subisce un restringimento causa di numerosi incidenti . Prima dell’interruzione dei lavori erano già stati eseguiti gli attraversamenti del torrente Rio secco e del Canale S.Pietro e le opere di preparazione di circa 200 metri di sede stradale. Dopo la decisione del Consiglio , la Provincia punta a riprendere i lavori in l’estate per concluderli entro la fine dell’anno .

Durante la discussione Giorgio Barbieri (Lega nord) ha sottolineato la "necessità di intervenire al più presto per risolvere un problema grave di sicurezza ", un concetto ribadito anche da Luca Gozzoli, presidente del Consiglio provinciale, che ha ripercorso le tappe del progetto (Gozzoli era sindaco di Spilamberto nella passata legislatura quando fu siglato l’accordo con la Provincia). Mazzi ha chiesto, invece, un rinvio in commissione consiliare per ulteriori approfondimenti, mentre Caselli ha chiesto "perché riapprovare una delibera già bocciata dal Tar?".

Walter Telleri (Verdi), infine, ha motivato il voto di astensione accusando la Provincia di "impegnarsi con una somma importante per una strada, mentre non fa nulla per risolvere i problemi della attigua pista ciclabile ".

Proprietà dell'articolo
fonte: Provincia di Modena
creato: domenica 1 maggio 2005
modificato: venerdì 23 febbraio 2007