Archivio News » Archivio News

Il traforo del Monte Bianco e la sicurezza stradale.

Nel 2004 sono transitati al traforo del monte bianco il 45,4% in meno di tir rispetto al 1998, ultimo anno di esercizio completo prima della chiusura del collegamento italo-francese durata circa 3 anni.

Nei primi tre mesi del 2005 sono passati 97.851 mezzi pesanti rispetto ai circa 197.000 dello stesso periodo del 1998. I dati, come ha riferito Carlo Perrin , presidente della regione autonoma valle d'Aosta, al consiglio regionale, "non sono allarmanti, ne' dal punto di vista della sicurezza stradale ne' ambientale". Il presidente della regione ha infatti informato l' assemblea regionale sui lavori della commissione intergovernativa di controllo per il tunnel del monte bianco , riunitasi a Parigi il 20 maggio. In quella sede Perrin espresse la propria preoccupazione per il progressivo aumento del traffico attraverso il tunnel. "ci avviciniamo sempre piu' - disse - alla soglia del tetto fissato dal consiglio regionale ". L' assemblea valdostana ha infatti stabilito che la media giornaliera dei transiti non puo' superare 1.060 tir, pari al 50% degli automezzi pesanti che transitavano prima dell' incendio".

"La tendenza dei passaggi - ha pero' precisato Perrin - si avvicina alla soglia decisa dal consiglio regionale, anche se bisogna dire che negli ultimi tempi l' incremento e' dovuto a lavori in corso al Frejus che portano ad una inevitabile deviazione del traffico al monte bianco". Perrin ha poi detto di aver ribadito alla commissione "l' assoluta necessita' di rimanere vigili sulla situazione per consentire la sicurezza della circolazione e una migliore qualita' ambientale".

Il consigliere Elio Riccarand (arcobaleno vallee d' Aoste), intervenendo sulle comunicazioni di perrin ha replicato che "la tendenza prevede un aumento dei passaggi di circa il 20% e arriveremo nel corso del 2005 a superare il tetto massimo stabilito da questo consiglio". Per questo il capogruppo dell' arcobaleno ha invitato la giunta "di attivarsi per evitare che si arrivi a superare il tetto massimo gia' stabilito ".

Proprietà dell'articolo
fonte: Sicurauto
creato: domenica 1 maggio 2005
modificato: venerdì 23 febbraio 2007