Finale Emilia, sabato 26 maggio apre la tangenziale, completata un'opera lunga 5 km e costata 15 mln

Sarà inaugurato sabato 26 maggio il tratto conclusivo della tangenziale di Finale Emilia.


L’apertura al traffico è prevista alle 12,30 al termine della cerimonia del taglio del nastro, in programma alle 11,45, che si svolge nell’area della nuova rotatoria sulla strada provinciale 468 a Canaletto, con la partecipazione di Emilio Sabattini, presidente della Provincia di Modena, Raimondo Soragni, sindaco di Finale Emilia, Luigi Gilli, assessore alla Programmazione della Regione Emilia Romagna, ed Egidio Pagani, assessore provinciale alla Viabilità.

Costato circa cinque milioni di euro, finanziati per circa un milione e mezzo dal Comune stesso, il resto da Provincia e Regione Emilia Romagna, il tratto è lungo oltre due chilometri e 600 metri mentre la lunghezza complessiva della tangenziale è di oltre cinque chilometri.

Come sottolinea Pagani «l’opera si aggiunge ai progetti previsti nell’area nord da Provincia ed enti locali: dalla Cispadana, alle tangenziali di Mirandola, Camposanto e Cavezzo, senza trascurare la pista ciclabile S.Felice-Finale che stiamo per terminare».

Il costo complessivo della tangenziale è stato di 15 milioni e 400 mila euro, di cui 10 milioni e 300mila finanziati dall’Anas, 2.129 dalla Regione, un milione e mezzo dalla Provincia e un milione e 428 mila dal Comune. In base ai calcoli dei tecnici la variante sarà in grado di spostare dalla provinciale oltre cinque mila automezzi al giorno di cui 500 pesanti «migliorando – spiega Soragni - la vivibilità del paese e la scorrevolezza del traffico. Si tratta di un risultato importante raggiunto in tempi record con soli 14 mesi di lavori allo scopo di inserire Finale Emilia nella grande viabilità, migliorando la qualità della vita».

La tangenziale parte da Reno Finalese, prosegue con il viadotto, lungo quasi 500 metri, che supera il canale Palata Reno e il Panaro, raggiunge la provinciale 10 per terminare sulla provinciale 468 nei pressi della frazione di Canaletto. Oltre alla rotatoria sulla strada comunale di Villa Rovere, larga quasi 40 metri, è stata costruita anche una rotatoria all’incrocio con la provinciale 468 a Reno Finalese, larga 55 metri, e un viadotto su via Legnari lungo 27 metri.

Per quanto riguarda i lavori della barriera antirumore, prevista nel progetto del primo lotto, è stata sollecitata Anas per trovare una soluzione, d’intesa con la Provincia e il Comune.
Proprietà dell'articolo
creato: giovedì 24 maggio 2007
modificato: giovedì 24 maggio 2007