La sicurezza stradale ha bisogno di un milione di firme

Il Comune di Modena sostiene la petizione per la sicurezza stradale "Obiettivo 2010 un traguardo per la vita" lanciata dall'Aci. Presso l'Urp di Piazza Grande e presso le Circoscrizioni è possibile sottoscrivere la petizione per sensibilizzare le istituzioni internazionali ad un maggiore impegno sulla sicurezza stradale.


Le firme raccolte saranno presentate a Onu e G8, per spingere Governi e Organismi internazionali ad adottare misure urgenti ed efficaci contro il tragico fenomeno dei sinistri stradali. L'obiettivo è di arrivare a ridurre del 50 per cento il numero dei morti entro il 2010.

La sicurezza stradale è un'emergenza mondiale: ogni anno, sulle strade del pianeta, muoiono un milione duecentomila persone ed i feriti sono più di cinquanta milioni. In Italia, nel 2005, i morti sono stati 5.426. La maggior parte degli incidenti possono essere evitati con azioni adeguate. Nel nostro Paese viene destinata alla sicurezza stradale una cifra pari al dieci per cento del totale degli investimenti stanziati per lo sviluppo delle infrastrutture. Al Governo italiano i firmatari della petizione chiedono il varo di un piano finalizzato al raggiungimento degli obiettivi fissati dall'Unione Europea, cioè la riduzione della mortalità sulle strade del 50 per cento entro il 2010.

Il Comune di Modena sostiene anche la petizione "Strade sicure" promossa dalla FIA (Federazione Internazionale dell' Automobile) e dall'ACI, rivolta all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, perché, durante la sua 62esima sessione del 2007, adotti una Risoluzione per supportare un piano d'azione decennale da 300 milioni di dollari per migliorare la sicurezza stradale nei Paesi in via di sviluppo e appoggiare l'idea di organizzare un summit interministeriale mondiale per concordare azioni politiche ad alto livello, volte a contrastare le morti sulle strade nei Paesi in via di sviluppo.
Proprietà dell'articolo
creato: martedì 29 maggio 2007
modificato: martedì 29 maggio 2007