Ponte di Valoria

Conclusi i lavori di costruzione del nuovo ponte a Frassinoro. Spesi 5 milioni per scavalcare la frana storica. Inaugurazione il 14 novembre

Inaugura il 14 novembre il nuovo viadotto a Frassinoro lungo la Fondovalle Dolo che permetterà di scavalcare la frana storica dei Boschi di Valoria.

L'opera è lunga 160 metri con un'unica campata, 15 metri di larghezza e 820 tonnellate di peso; scavalca la storica frana dei Boschi di Valoria a Frassinoro che, sul versante nord-ovest del monte Modino, periodicamente interrompe la strada Fondovalle Dolo. Gli appoggi sono fuori dalla zona dello smottamento e con  forma a cuneo allungato per "tagliare" eventuali movimenti della frana. Per evitare che il ponte possa essere coinvolto dal terreno in movimento, è stata progettata un'altezza che tiene conto dei livelli massimi raggiunti storicamente dagli accumuli di  terra che scendono da monte.

«Con questa soluzione - spiega Egidio Pagani, assessore alle Infrastrutture della Provincia di Modena nel corso di un sopralluogo in vista dell'inaugurazione - risolviamo definitivamente il problema dei collegamenti nell'area. La strada, infatti, è stata travolta più volte negli anni scorsi con gravi disagi per i cittadini e l'economia della zona. L'ultima interruzione si è verificata nel novembre 2005».

Costata oltre cinque milioni, l'infrastruttura è stata realizzata con procedura straordinaria derivante da un'ordinanza del Consiglio dei ministri per gli interventi di protezione civile.

Nel corso del sopralluogo sul nuovo ponte di Valoria a Frassinoro, Egidio Pagani, assessore alle Infrastrutture della Provincia di Modena, ha fatto il punto con i tecnici sui lavori in corso o già realizzati contro il dissesto idrogeologico. 

Le zone più colpite in Appennino e in cui sono previsti interventi di ripristino e sostegno sono Fanano, Frassinoro, Guiglia, Montefiorino, Lama Mocogno, Montecreto, Montese, Palagano, Pavullo, Prignano, Riolunato e Sestola.

Fra questi interventi, sul versante di Zocca partiranno in novembre i lavori per ripristinare il versante franato alla Fratta di Guiglia lungo la provinciale 26 nella zona di Samone di Guiglia dove attualmente si circola a senso unico alternato con divieto di transito ai mezzi pesanti.

Il progetto prevede la completa ricostruzione della strada franata con opere di sostegno a valle, un intervento particolarmente complesso su un versante estremamente ripido.

Proprietà dell'articolo
creato: venerdì 30 ottobre 2009
modificato: venerdì 30 ottobre 2009