Sicurezza stradale: i punti principali della Legge

Il Senato ha approvato definitivamente il decreto legge che reca disposizioni urgenti che modificano il codice della strada al fine di incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione.


La Legge sulla sicurezza stradale, che entrerà in vigore a breve, copre decine di aspetti; ecco in sintesi alcuni dei punti più importanti che sono stati approvati:

Neopatentati.
I titolari di patente B non potranno, per il primo anno, guidare auto con rapporto potenza/peso, riferito alla tara, superiore a 50 kw/t. Questa disposizione si applica solo alle patenti rilasciate a partire dal 180° giorno successivo alla data di entrata in vigore della Legge. Resta in piedi l'altra limitazione per i neopatentati: nei primi tre anni di conseguimento della patente, c'è il divieto di superare i 90 km/h sulle strade extraurbane principali e i 100 km/h in autostrada. Ora, però, la sanzione è di 148 euro, più la sospensione della patente, compresa tra 2 e 8 mesi.

Velocità.
Le postazioni di controllo della velocità, fisse e mobili, tranne quelle per il rilevamento dinamico (sulle auto), devono essere ben visibili e segnalate con cartelli o dispositivi di segnalazione luminosi.
Vediamo le multe.
- Decurtazione di 5 punti per chi supera di 10 km/h ma non oltre 40 km/h i limiti di velocità (invariata la sanzione di 148 euro);
- Chi supera di oltre 40 km/h ma di non oltre 60 km/h i limiti massimi di velocità viene punito con la sanzione di 370 euro, la decurtazione di dieci punti, la sospensione della patente da uno a tre mesi e l'inibizione alla guida del veicolo dalle 22 alle 7 del mattino nei tre mesi successivi alla restituzione della patente.
- Chi supera di oltre 60 km/h i limiti di velocità verrà punito con una multa di 500 euro, la decurtazione di 10 punti e la sospensione della patente di guida da 6 a 12 mesi.

Guida in stato di ebbrezza.
Se il tasso alcolemico accertato è superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi per litro, l'ammenda è di 500 euro; in più, c'è la sospensione della patente da tre a sei mesi. Oltre 0,8 e non superiore a 1,5 grammi: 800 euro, e sospensione della patente da sei mesi a un anno, più l'arresto fino a 3 mesi. Oltre 1,5 grammi, 1.500 euro, sospensione della patente da uno a due anni, arresto fino a 6 mesi. Depenalizzato il rifiuto di sottoporsi all'accertamento del tasso alcolemico, per il quale è prevista la sanzione amministrativa di 2.500 euro.
Se la violazione è commessa in occasione di un incidente stradale, la sanzione è di 3mila euro.

Sosta col motore acceso.
Vietato tenere acceso il motore per mantenere in funzione il "clima" durante la sosta o la fermata del veicolo. Il mancato rispetto di questa norma prevede una multa di 200 euro.

Cellulare.
Passa da 70 a 148 euro la multa per chi usa, durante la marcia, il cellulare senza auricolare né vivavoce; e viene introdotta la sospensione della patente da uno a tre mesi nel caso in cui si commetta la stessa violazione nell'arco di un biennio.
Invariata la decurtazione di punteggio prevista, 5 punti.

Notte.
Chi, dopo le 20 e prima delle 7 del mattino, commette gravi infrazioni è punito con una multa aggiuntiva di 200 euro. Il ricavato di questa disposizione finirà nel "Fondo contro l'incidentalità notturna".
Proprietà dell'articolo
creato: giovedì 11 ottobre 2007
modificato: giovedì 11 ottobre 2007