Telefonate 'automatiche' in caso d'incidente

Al via 'eCall': un sistema che sarà obbligatorio entro il 2010 e che fa partire dall'auto coinvolta nell'urto un avviso di emergenza.


Nuovo, importante, passo avanti per la sicurezza stradale: parte il progetto europeo eCall, un sistema che fa partire una telefonata automatica dall'auto coinvolta in un incidente stradale.

L'iniziativa eCall quindi fornirà assistenza rapida a chi rimane coinvolto in un incidente stradale lungo la rete stradale dell'Unione europea, avviando automaticamente una chiamata di emergenza tramite la rete cellulare alle strutture locali di assistenza e inviando le informazioni più rilevanti, come ad esempio la posizione dell'incidente. Si prevede che ECall, la cui introduzione in Europa è prevista per la fine del 2010, contribuirà al salvataggio di molte vite umane, notificando con maggiore efficienza la presenza di incidenti stradali e accelerando l'intervento dei servizi di emergenza.

Qualcomm Incorporated, azienda leader nello sviluppo e nell'innovazione delle tecnologie dei prodotti e dei servizi wireless avanzati, ha annunciato il proprio appoggio a favore della recente approvazione da parte di 3GPP (Third Generation Partnership Project) della specifica per i modem in-band, a sostegno dell'iniziativa per la sicurezza stradale eCall promossa dall'UE.

"L'iniziativa eCall rappresenta il trionfo della tecnologia al servizio del bene pubblico; per questo motivo, porgiamo le nostre congratulazioni a 3GPP, all'ETSI e all'UE per averla trasformata in realtà -ha affermato Andrew Gilbert, vicepresidente esecutivo di Qualcomm- eCall è stata una prova d'orgoglio per tutti gli addetti ai lavori che hanno contribuito alla sua realizzazione, inclusi i team tecnici di Qualcomm in Germania e a San Diego. La definizione di questo standard consente all'industria automobilistica e al settore della pubblica sicurezza di portare avanti i piani di implementazione del sistema eCall".
Proprietà dell'articolo
creato: mercoledì 15 aprile 2009
modificato: mercoledì 15 aprile 2009