Archivio News » Archivio News

In arrivo i campi scuola per la sicurezza stradale.

Un centro di formazione alla guida per preparare gli automobilisti ad affrontare ogni condizione possibile di traffico e di situazione meteorologica nascerà in ogni capoluogo di provincia .

Un centro di formazione alla guida dotato delle più moderne tecnologie per preparare gli automobilisti a affrontare ogni condizione possibile di traffico e di situazione meteorologica nascerà in ogni capoluogo di provincia a disposizione delle scuole-guida. E' l'ultima novità governativa in tema di sicurezza stradale annunciata a Veronafiere dal ministro alle Infrastrutture Pietro Lunardi.

Parlando con i giornalisti a margine dell'apertura di Samoter, il salone internazionale delle macchine per il movimento terra e la cantieristica, il ministro Lunardi si è detto convinto della necessità di " rendere più difficile gli esami per la patente di guida dell'auto. Sino a oggi - ha osservato - il rilascio è stato considerato un atto dovuto ma non è così".

Nasce da questa considerazione il progetto di campi prova che permettano agli aspiranti automobilisti di prendere confidenza con ghiaccio, nebbia, pioggia. "I centri-pratica - ha spiegato Lunardi - dovranno essere gli approdi naturali dei giovani che sin dalle elementari dovranno imparare il codice della strada.Un progetto quest'ultimo che stiamo studiando con il ministro Moratti per introdurre nelle scuole l'educazione stradale ".

In tema di patente a punti Lunardi ha sottolineato come "ormai gli italiani hanno capito la bontà dell'iniziativa. Gli italiani hanno accettato l'introduzione della patente a punti con molto spirito di responsabilità. Del resto - ha proseguito il ministro - risparmiare il 20% di vite umane all'anno è un buon inizio. Ma siamo impegnati con la Ue a arrivare al 40% entro la fine del 2010. In 19 mesi essere arrivati a metà percorso è una buona premessa". Sul fronte dei motorini , Lunardi ha confermato che la soglia dei patentati per questi mezzi ha superato i 700 mila documenti rilasciati. "Sono stati bocciati 200 mila ragazzi - ha sottolineato - e questa è una bellissima cosa perchè significa che gli esami sono stati fatti seriamente. I ragazzi intervistati sono ben contenti di avere il patentino perchè si sentono più maturi e responsabilizzati".

Proprietà dell'articolo
fonte: Sicurauto.it
creato: domenica 1 maggio 2005
modificato: venerdì 23 febbraio 2007