Archivio News » Archivio News

Car Sharing, in Italia inizia a funzionare.

Il Car Sharing ' - sistema che consente di 'affittare' un'auto solamente nel momento del bisogno, attivo anche a Modena - sembra funzionare.

Dopo Firenze anche Roma e altre città si sono convertite a questo innovativo sistema nel tentativo di ridurre traffico e smog . A Roma a dare il là il III Municipio che da febbraio ha attivato il servizio. Un esempio che in pochi mesi molte grandi città hanno seguito. Si tratta di una iniziativa nel nome della mobilità sostenibile basata sulla nuova concezione di acquistare degli spazi temporali per l'utilizzo del mezzo anzichè il mezzo stesso. In questo modo si potrà utilizzare il mezzo di trasporto senza essere oberati dalle spese di manutenzione ed assicurazione . L'idea del car sharing trasforma il bisogno di possedere un'auto nella necessità di disporre di un servizio in grado di garantire una mobilità personalizzata , svincolata dagli orari e dai percorsi del trasporto pubblico.

Il car sharing sta facendo proseliti in tutto il Paese e tra le prime grandi città a convertirsi a questa nuova concezione di mobilità sono state Roma e Firenze dove dall'inizio di aprile i residenti hanno a disposizione una flotta di vetture dislocate in 12 parcheggi alcuni dei quali all'interno della Ztl del centro. Studi effettuati dimostrano che se utilizzato su larga scala il car sharing contribuisce a ridurre le emissioni di gas inquinanti (ogni automobilista che passa al car-sharing riduce infatti del 30-50% i propri consumi, grazie ad un utilizzo più oculato del veicolo e ad un maggiore impiego dei mezzi pubblici). Si valuta inoltre che ogni macchina condivisa consente di ridurre la circolazione di almeno 10 auto private e che il 54% degli aderenti vende la propria seconda auto, mentre il 13% rinuncia all'acquisto della prima.

Per favorire l'adesione al car sharing delle diverse realtà locali il Ministero dell'Ambiente ha designato la Ics come gestore dei fondi da erogare per finanziare le città che volessero portare avanti progetti di questo genere con l'evidente obiettivo di istituire un modello base al quale riferirsi in materia di 'affitto di automobili'. Per poter usufruire del servizio bisogna essere iscritti pagando una quota ad una associazione di car sharing che mette a disposizione una flotta di auto ad un costo proporzionale al tempo di utilizzo e ai chilometri percorsi. Le diverse tipologie di auto sono disponibili in garage o in parcheggi appositi. Viaggiare a bordo di una autovettura in affitto permette inoltre di poter usufruire di alcune agevolazioni. Nel caso di Roma infatti gli utenti del servizio potranno sostare gratuitamente nei parcheggi a pagamento ed in quelli di scambio, accedere alle Ztl della città e circolare nelle corsie preferenziali o nelle zone interdette anche durante le giornate di limitazione al traffico.

Proprietà dell'articolo
fonte: Ruoteperaria
creato: domenica 1 maggio 2005
modificato: venerdì 23 febbraio 2007