Archivio News » Archivio News

Fotored a Modena, il contratto rinnovato fino a settembre.

I fotored sono ora di proprietà dell'Amministrazione, che ha stipulato un contratto annuale , con la stessa ditta, per le operazioni di manutenzione e supporto delle apparecchiature.

“Alla scadenza del contratto con la ditta Eurotraff, dal primo ottobre 2005 i 18 strumenti fissi di rilevazione delle infrazioni ( fotored ) sono passati di piena proprietà dell’Amministrazione , secondo una delle clausole previste dal contratto stesso, anziché essere ritirati dalla ditta. L’Amministrazione ha stipulato un nuovo contratto,con la stessa ditta, che ha validità annuale con decorrenza dal 1° ottobre e termine al 30 settembre 2006.
L’Eurotraff effettuerà le operazioni di manutenzione e supporto delle apparecchiature, previa corrispondenza di un canone mensile , che ammonta ad 11mila euro fino alla scadenza del contratto, per un valore complessivo di 132mila euro. Ricordo che, a seguito della modifica al contratto del 16 febbraio 2004, il costo mensile del noleggio era di 25mila euro”.

Lo ha ricordato nel corso del Consiglio comunale l’assessore alla Polizia Municipale Gualtiero Monticelli , rispondendo ad un’interrogazione di Baldo Flori (Modena a Colori) con la quale si chiedeva se “la procedura per l’appalto si è conclusa e se ci troviamo di fronte ad un nuovo gestore dopo gli “ scivoloni “ intervenuti fin dall’inizio con la precedente gestione” e se si fosse “evitato nel nuovo appalto di puntare sul cointeressamento della ditta alle entrate realizzate con le multe, che era in contrasto coi principi che devono caratterizzare una buona amministrazione ” Flori aggiungeva di credere che “ai modenesi in realtà interessi sapere se col nuovo contratto siano stati eliminati tutti i difetti e gli errori di gestione che avevano pesato sulla introduzione del Fotored , che lo avevano fatto sentire come uno strumento applicato in modo fiscale e vessatorio più che come una misura per tutelare la sicurezza del traffico e la incolumità degli utenti della strada” e che “dopo la tanto sbandierata campagna di moralizzazione intesa a colpire soprattutto gli automobilisti indisciplinati , (che chissà perché dovevano essere molti di più a Modena che in altre città,) non sappiamo ancora se ci troviamo di fronte a comportamenti oggi davvero più virtuosi oppure se in realtà il Comune applicando il nuovo strumento in modo molto rigido , è riuscito anche a “ fare cassa “ con entrate non indifferenti per il suo Bilancio”.

Monticelli ha assicurato che “le apparecchiature continuano a funzionare nello stesso modo , con le stesse tarature e sono assolutamente ed indubitabilmente in regola con le vigenti norme , come confermano la stragrande maggioranza delle sentenze del Giudice di Pace e delle decisioni del Prefetto”. Rispetto ai dati, l’assessore ha ricordato che “il numero d’infrazioni rilevate dal Fotored nel 2005 è leggermente aumentato rispetto all’anno precedente; al 30 di agosto sono state rilevate 9465 infrazioni contro le 7213 dell’anno precedente. Le cause sono da attribuirsi all’incremento del numero degli apparecchi e alla loro collocazione su nuovi incroci (l’incrocio tra via Emilia Ovest e via Virgilio e l’incrocio tra viale Italia e via San Faustino). Le ragioni di questa scelta, che abbatte i costi per il Comune, è dovuta all’efficacia di questi strumenti ai fini del controllo del traffico – ha concluso Monticelli - È aumentata la sicurezza, sono cambiati i comportamenti degli automobilisti. Avevamo inoltre la necessità di prendere altro tempo per verificare e testare nuove tecnologie, cosa che abbiamo intenzione di fare nei prossimi mesi, garantendo altresì la continuità delle azioni di controllo”.

Flori ha replicato sottolineando che “la vicenda continua a dimostrare un dato di approssimazione e superficialità da parte dell’amministrazione nel governo di uno strumento così delicato. Alla luce degli errori commessi e della correzioni poi introdotte in corso d’opera, credo che l’amministrazione avrebbe dovuto cautelarsi in tempo per vedere se sul mercato ci fossero altri e nuovi interlocutori, più capaci di misurarsi con questi problemi”. Flori ha aggiunto di non contestare “l’esigenza di continuità, però c’era tempo per fare una ricerca su nuove tecnologie e su nuovi interlocutori e avviare una fase contrattuale nuova di ricerca reale . Di fatto, invece, la ditta che già beneficiava ha avuto un prolungamento sulla fiducia da giungo ad ottobre e poi di fatto un altro anno di prolungamento reale del contratto, in attesa che l’amministrazione sciolga i dubbi amletici sulle nuove tecnologie. E’ un esempio di cattiva amministrazione , non si è usata sufficiente diligenza”. Inoltre, rispetto all’incremento del numero delle multe registrate dopo il posizionamento di due nuovi fotored, Flori ha sottolineato come questo sia il segno che il comportamento degli automobilisti sostanzialmente non sia variato, come ci si attendeva. Infine, Flori ha sottolineato come l’assessore non abbia risposto al quesito relativo al volume delle entrate derivanti dalle multe con fotored.

Proprietà dell'articolo
fonte: Comune di Modena
creato: martedì 1 novembre 2005
modificato: venerdì 23 febbraio 2007