Archivio News » Archivio News

Progetto Icaro a Merano il 14 febbraio.

Prosegue a tappe forzate il " Progetto Icaro ", la campagna di educazione alla sicurezza stradale rivolta ai ragazzi delle scuole medie e superiori , che lunedì 14 febbraio farà tappa a Merano.

Il " Progetto Icaro " muove dalla convinzione, largamente condivisa, che l'informazione e l'educazione stradale rappresentano uno strumento fondamentale per contrastare il triste fenomeno dell' alta mortalità connessa al verificarsi degli incidenti stradali, in vista anche del raggiungimento dell'obiettivo fissato dall'Unione Europea di ridurre del 40% la mortalità entro il
2010. Tale prospettiva risponde, peraltro, alle continue istanze provenienti dal mondo della scuola di poter contare sulla presenza qualificata della Polizia di Stato per contribuire alla formazione di utenti della strada responsabili e, nel contempo, promuovere un rapporto sempre più vicino del giovane cittadino alle istituzioni.
Come negli anni scorsi, anche quest'anno la carovana itinerante della sicurezza stradale , partita da Napoli il giorno 14 febbraio, raggiungerà 13 città italiane con la consapevolezza che usando il linguaggio dei giovani e calandosi nella realtà di chi si propone alle prime esperienze di guida, saprà avvicinarli per far loro comprendere la necessità del rispetto delle regole fondamentali della circolazione stradale e predisporli verso una cultura della sicurezza considerata la vera finalità di ogni progetto di educazione stradale poichè la sicurezza è l 'obiettivo primario da raggiungere.
L'iniziativa, che prevede una carovana itinerante, composta da veicoli storici della Polizia di Stato, dal Pullman Azzurro con programmi informatici e videogiochi educativi sulla circolazione stradale, sarà arricchita dalla presenza di auto storiche del Nostalgic Car Club di Vipiteno con esposizione delle stesse lungo la passeggiata del Passirio a Merano nelle vicinanze del Kurhaus.

La manifestazione prevede un incontro-dibattito con gli studenti delle scuole medie superiori , presso il Pavillon de Fleurs del Kurhaus di Merano, il cui filo conduttore sarà la testimonianza di giovani vittime di incidenti stradali. L'idea è quella di ricorrere ad un linguaggio "tra pari" - racconto di ragazzi fatto da altri ragazzi - per far capire che l'incidente stradale è la prima causa di morte per i giovani e che basterebbe un po' più di prudenza per evitare tante tragedie.

Proprietà dell'articolo
fonte: LaRepubblica.it
creato: martedì 1 marzo 2005
modificato: venerdì 23 febbraio 2007