Archivio News » Archivio News

Autostrada Modena-Firenze, lavori per 4 miliardi.

Si tratta di uno dei punti più importanti della rete autostradale italiana : 28 lotti, 19 cantieri, lavori affidati al 72% per 4 miliardi di euro, quasi 8.000 miliardi di vecchie lire.

Vito Gamberale , amministratore delegato di Autostrade ha fatto il punto sullo stato dei lavori avviati in Emilia-Romagna e Toscana fra Modena a Firenze, in occasione del completamento della galleria Vado Sud nel lotto 3 del tracciato per il potenziamento della terza corsia dell'autostrada Bologna-Firenze che comprende anche la vera e propria Variante di Valico a 4 corsie nel tratto Aglio-
Canova (32 km). Si tratta di uno dei punti più importanti della rete autostradale italiana che nel tratto appenninico sopporta un flusso anche di 80-100 mila veicoli al giorno. Ebbene qualcosa si comincia a muovere.

A sud di Modena nell'A1 verso Bologna sono stati completati due lotti della quarta corsia. Nel tratto fra Sasso Marconi e la Quercia si vedrà la fine entro la prima metà del 2006 dei primi quattro lotti. Questo significa che gli automobilisti italiani potranno finalmente percorrere un tratto di un'opera di cui si cominciò a parlare per la prima volta nella seconda metà degli anni '80. In complesso - come ha spiegato con soddisfazione il ministro Lunardi - dovrebbero essere pronti circa 50 km nuovi di zecca o allargati con nuovi viadotti e gallerie. ''Stiamo riscattando decenni di stasi - ha sottolineato ancora il ministro per le Infrastrutture - la viabilità per un Paese è come il sangue per il corpo. Se si ferma c'é la paralisi e la cancrena. Quanto si sta facendo per la Variante è un esempio di collaborazione fra varie istituzioni", ha proseguito il ministro che ha elogiato in maniera aperta il presidente dell'Emilia-Romagna Vasco Errani per la collaborazione mostrata dalla Regione.

Non altrettanto per la Toscana che il ministro ha accusato di scarsa collaborazione per il via libera ai progetti e agli iter autorizzativi nei tratti Barberino-Firenze Nord e Firenze sud-Incisa, hanno precisato poi i collaboratori di Lunardi . Una critica che il ministro ha rinnovato in maniera più soft a proposito dei lavori dell' alta velocità ferroviaria , l'altra grande opera infrastrutturale che attraversa l'Appennino fra Bologna e Firenze. "Anche qui stiamo andando avanti - ha ricordato Lunardi - siamo all'80% di avanzamento dei lavori, ma ci sono problemi sul lato toscano legati alle discariche. Speriamo che la Regione ci agevoli in questo compito come ha fatto la regione Emilia-Romagna". Ma al di là delle polemiche con la Toscana , il ministro ha insistito soprattutto sullo sforzo compiuto dal Governo in questi quattro anni per recuperare il tempo perduto. "Abbiamo dovuto rifare le leggi , riprendere in mano i contenziosi e riprendere i contatti anche con quelle imprese che avevano abbandonato i lavori. Prima abbiamo lavorato in maniera un po' occulta. Ma ora i risultati si cominciano a vedere e credo che gli italiani viaggiando per l'Italia se ne accorgano".

Proprietà dell'articolo
fonte: Emilianet
creato: venerdì 1 luglio 2005
modificato: venerdì 23 febbraio 2007