Archivio News » Archivio News

Patente revocata a vita a chi causa incidenti mortali per alcol e droga.

Approvata al Senato tolleranza zero per chi si mette al volante in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di droghe : a chi provocherà incidenti mortali sarà revocata per sempre la patente.

La novità è contenuta in un emendamento al decreto legge sulla pubblica amministrazione , approvato ieri dal Senato. Sarà revocata definitivamente la patente a coloro che provochino incidenti mortali guidando " sotto gli effetti di sostanze stupefacenti o in stato di ebbrezza , con un tasso di alcol pari o superiore al doppio del consentito". Il voto: 161 sì e 4 no.

Soddisfatto Roberto Salerno (An), il promotore dell'emendamento. Il consenso è stato trasversale . "I colleghi - spiega il senatore - al di là delle visioni politiche, hanno compreso la necessità di prevedere una norma severa per quanti si mettono al volante sotto l'effetto di alcol o droga". Fino ad oggi il guidatore ubriaco o drogato poteva incappare al massimo in una revoca della patente per sei mesi se aveva compiuto più violazioni in un anno. Il senso dell'emendamento sta tutto qui: "Si pone così fine - chiarisce Salerno - allo "scandalo-beffa" di quanti hanno provocato incidenti mortali, ottenendo in seguito la riconsegna della patente".

E intanto ieri, sempre al Senato, è andato in scena il tentato blitz di alcuni esponenti di Forza Italia per eliminare gli autovelox dalle strade italiane. Il senatore Luciano Falcier (Fi) ha presentato un emendamento al nuovo Codice della strada, tema la necessità di contestare immediatamente la violazione al trasgressore. Polemico il collega Donati (Verdi-Un): "L'emendamento vanifica la possibilità di utilizzare le nuove tecnologie per il controllo delle strade ". La Lega si è schierata con Falcier e l'azzurro Cicolani ha bacchettato il compagno di partito: "La norma si tradurrebbe in un accessibile segnale di allentamento dei controlli proprio alla vigilia dell'esodo estivo". Alla fine gli applausi hanno accompagnano l'ultimo atto: il ritiro dell'emendamento.

Mentre ciò accadeva a Palazzo Madama, dall'altra parte della città società Autostrade, Anas e Polizia stradale, hanno presentato " Via libera all'estate ", il piano viabilità in vista dell'esodo estivo. E tra le novità proposte c'è anche un nuovo autovelox , il " Safety Tutor ", un sistema per rilevare la velocità media di una vettura tra un punto e un altro. Un autovelox più " equo " quindi: 20 esemplari verranno usati da subito sulle autostrade italiane. Altra novità: la segnalazione, tramite cartelloni, del tempo previsto di percorrenza fra una città e l'altra.

Proprietà dell'articolo
fonte: La Repubblica
creato: venerdì 1 luglio 2005
modificato: venerdì 23 febbraio 2007